Skip to content

Ramon Chao en Mallorca, visto por la periodista italiana Maria Migliaccio.

7 octubre, 2012
tags:

PERSONAGGIO DELL’ESTATE

Mallorca é un’ isola  conosciuta per i suoi panorami, per il clima, per suoi paesi caratteristici.   Peró tutto questo non é sufficiente a spiegare la presenza di tanti personaggi sensibili e colti e per questo famosi in Europa e non solo.

Son Servera  ne accoglie  abbastanza che tornano ogni estate o…ogni volta che lo desiderano…

Questa volta vogliamo parlare di RAMON  CHAO REGO, giornalista e scrittore “gallego” e, come lui stesso vuole sottolineare, “padre di Manu Chao”.

Si puo condividere l’entusiasmo per il famoso cantante ed é giusto che suo padre ne sia orgoglioso, peró Ramon, per chi non lo conosce, é una vera sorpresa.

Si presenta con aria modesta, quasi in incognito, dando tutta la scena a coloro che sono in sua compagnia, che siano famiglia o amici.

Peró lui é Ufficiale delle Arti e delle Lettere di Francia, é stato il capo del Servizio di Lingue Iberiche della Radio Televisione Francese, collaboratore del settimanale Triunfo, critico letterario per il mensile Le Monde Diplomatique, per Le Monde e per La Voz de Galicia.

Lasciando per un momento a parte i titoli onorifici e i titoli dei suoi numerosi libri,

é il caso di evidenziare  di come parlando con lui, si pió goderevdel racconto dei suoi ricordi, delle sue amicizie, delle sue esperienze di vita, della sua cultura profonda.

Fra le sue numerose interviste quelle al premio Nobel per la letteratura il peruviano Vargas Llosa, allo scrittore brasiliano George Amado, all’uruguaiano Juan Carlos Onetti e all’altro premio Nobel il colombiano Garcia Marquez.

Il particolare e il fascino di fare interviste é che sempre si stabilizza come una intesa sottile fra l’intervistato e l’intervistatore e poco a poco, mentre si fanno le domande e si aspettano le risposte, una parte della vita e dei pensieri dell’uno si trasmettono all’altro.

Cosí parlando con Ramon Chao si possono trovare il realismo sociale o l’esistenzialismo dei vari personaggi che ha avuto la fortuna e la capacita di incontrare, peró sempre emerge il suo grande interesse per i paesi dell’America Latina tanto pieni di contraddizioni, di povertà e speranze che negli scrittori di quei paesi quasi sempre si traduce in un surrealismo amaro anche se non privo di ironia.

Interesse que ha trasmesso ai suoi figli Manu e Antoine che, con il complesso Mano Negra, hanno conquistato il mondo della musica moderna.

Appassionato di storia e di storie Ramon sa ricorrere nei suoi libri la vita del Che Guevara (las Andaduras del Che) e quella della Bella Otero (La pasion de la Bela Otero) mentre non  dimentica i problemi spagnoli con “Despues de Franco,España”.

Una iniziativa originale: la copertina di ogni suo libro é tatuata sul suo corpo…

– “Fanno parte di me – dice – é giusto mostrarli…” –

E ora, fra i suoi ultimi scritti,un sogno: l’incontro con la madre morta dal quale emerge poco a poco la critica della sua vita.

E nel futuro?

Nel futuro o meglio nel presente uno studio di Prisciliano, vescovo spagnolo (340?) accusato di eresia e giustiziato in nome della Chiesa Cattolica.  Un personaggio interessante, fra rigorismo religioso e magia, del quale si dice che i suoi  resti mortali riposino a Compostela dove la tradizione religiosa assicura  sia il corpo di quel Santiago tanto venerato nel mondo.

Uno dei tanti misteri della Chiesa Cattolica Romana che potrebbe risultare pericoloso svelare.

Pero adesso, girando lo sguardo verso il mare brillante di Cala Bona, mi sembra di risvegliarmi e mi sento un poco estraniata come dopo un lungo viaggio.

Sono tornata a casa. Una casa dove come vicino posso incontrare un Ramon Chao con  sua moglie, simpatica e piena di vita, Felicia.

Questo é uno dei fascini di Son Servera che pochi conoscono.

E puó essere che sia meglio cosí.

No comments yet

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s

A %d blogueros les gusta esto: